home  •  mail  •  link  •  mappa  •  news  •  Italiano   English   Français   Español   German   

Cosa facciamo

“Il nostro nome è misericordia e tali devono essere le nostre opere”

Con questa semplice e netta affermazione Santa Maria Giuseppa Rossello ha definito il campo di azione delle sue Figlie, o meglio, l’ha aperto al mondo intero e ad ogni necessità umana. L’opera con cui Madre Rossello ha dato il via all’Istituto sono state le scuole per le ragazze di Savona, per le povere e per le ricche. Quindi sono venute le “ragazze di strada”, le prostitute, ma già dagli inizi le Suore sono state inviate negli ospedali e nei lazzaretti. E poi il riscatto delle schiave africane, la missione in Sud America…
E ovunque si aprisse una casa raccomandava alle sue Figlie di impegnarsi in parrocchia.
Oggi siamo presenti così:

la scuola:

per rispondere anche oggi all'esigenza di una educazione sistematica e di una formazione critica;

case famiglia, comunità alloggio:

per bambini/e, adolescenti, giovani in situazioni di rischio per garantire loro un luogo sereno dove crescere secondo i ritmi della loro età e porgere un aiuto alle famiglie in difficoltà nel compito educativo;

case di spiritualità per gruppi giovanili:

per offrire ai giovani luoghi e spazi in cui sperimentare la via del silenzio e del contatto più prolungato e calmo con la natura e con la Parola di Dio nella Scrittura;

assistenza pastorale sanitaria:

presso gli ospedali cittadini, come infermiere o come animatrici pastorali e volontarie, cercando di portare insieme alla professionalità, il conforto della compagnia, l’attenzione alla persona e alla sua dignità, una visione cristiana della sofferenza;

residenze protette per anziani:

accanto alle persone anziane, talvolta sole e malate, talvolta affiancando le loro famiglie, per sostenerle in questa stagione della vita così ricca ma spesso poco valorizzata dai ritmi della società moderna e da stili di vita rivolti esclusivamente all’efficienza;

hospice per malati terminali:

in una visione olistica della persona umana, quando il malato diventa inguaribile, rimane pur sempre curabile e le cure palliative considerano il morire come un processo naturale.
Attente essenzialmente a conservare o migliorare la qualità della vita della persona, cerchiamo di accompagnarla nel suo cammino verso la morte, considerata come l'ultimo grande e significativo atto del vivere;

sostegno e animazione dei sacerdoti:

seguendo un’intuizione coraggiosa di Santa Maria Giuseppa Rossello, che fondando la Casa dei Chierici aveva dato già al suo tempo una risposta fattiva al bisogno di formazione per i candidati al sacerdozio, sosteniamo e promuoviamo la formazione permanente del Clero diocesano attraverso il lavoro nella Unione Apostolica del Clero, associazione nazionale che promuove l’aggiornamento teologico e la vita fraterna dei preti diocesani;

vita parrocchiale:

il catechismo ai ragazzi e ai bambini, la partecipazione alla vita liturgica e alle varie attività caritative della comunità cristiana: i centri di ascolto, le mense per i poveri, l’accoglienza ai migranti, la visita domiciliare agli anziani e alle persone sole;

attività missionaria:

sostegno ai progetti delle comunità FdM in Africa, costituite in Delegazione, attraverso l’animazione missionaria di gruppi di laici che si impegnano in attività di raccolta fondi e con adozioni a distanza, di sensibilizzazione ai temi della giustizia e della dottrina sociale della Chiesa e come volontari, prestando periodicamente il loro servizio nei luoghi di missione.